L'importanza del Potassio

97 Visualizzazioni 0 Mi Piace

Le banane aiutano a combattere e prevenire crampi muscolari? Sì! La banana è un frutto ricco di potassio, un sale minerale indispensabile per l’organismo umano che partecipa alla contrazione muscolare, ma non è il solo. Infatti numerosi alimenti presentano un alto livello di potassio al loro interno come le albicocche, il melone, il kiwi, la frutta secca e l’avocado.


Caratteristiche chimiche


Il potassio è un sale minerale di grande rilievo per fini alimentari e molto importante per il benessere generale del nostro organismo. Questo elemento chimico è stato scoperto dal chimico Humphry Davy nel 1807. Esso possiede come numero atomico il 19 nella tavola degli elementi e può semplicemente essere tagliato con un coltello. La sua massa atomica relativa ammonta a 39.0983 ed è contrassegnato dal simbolo K, che deriva dal suo nome scientifico latino Kalium. Il potassio è un metallo alcalino di colore bianco-argenteo molto reattivo e che è rintracciabile in natura, specialmente nell’acqua salata del mare, mentre nel nostro organismo si presenta come sali e legato alle proteine. Appena tagliato, il potassio, reagisce in modo spiccato al contatto con l’ossigeno presente nell’aria ossidandosi e formando ossido e superossido. Questo elemento chimico risulta essere alquanto leggero, in grado di galleggiare sull’acqua, al contatto con la quale risponde formando idrossido di potassio e producendo idrogeno.


Ruolo biologico del potassio


Il potassio viene definito un macro-elemento, cioè un minerale che è presente nel nostro organismo in quantità elevate. Lo possiamo ritrovare nelle cellule, e tenendo in considerazione una persona adulta sono presenti circa 180 gr di questo minerale nel nostro corpo. Nell’organismo umano, il potassio si presenta come ione positivo (catione), con simbolo K+, e rappresenta lo ione più abbondante nel liquido intracellulare (mentre nel liquido extracellulare lo ione predominante è il sodio) in cui viene trasferito tramite alcuni meccanismi che richiedono grandi riserve di energia. Nel mondo biologico il potassio, insieme anche a fosforo e azoto, risulta essenziale per la sopravvivenza delle piante mantenendo una regolare pressione osmotica, fattori che influenzano il processo di fotosintesi. Una funzione fondamentale del potassio per il nostro corpo è quella di partecipare alla regolazione dell’attività muscolare e della contrattilità di questa, in particolar modo quella del muscolo cardiaco. Esso è uno dei minerali più significativi per la salute e per l’organismo che interviene in numerosi processi fisiologici ed è implicato nella regolazione della pressione arteriosa, attenuando gli effetti contrastanti del sodio. Questo minerale, inoltre, assume funzioni di equilibrio per le attività del sistema nervoso e del sistema cardiaco, contribuisce nell’equilibrare i fluidi e i minerali all’interno e all’esterno delle cellule. Altre sue ulteriori funzioni offrono benefici per la salute delle ossa e per i reni, nei quali riduce il rischio della comparsa di calcoli.


Dove trovare il Potassio?


Nelle cellule e nel sangue questo sale minerale è presente come ione positivo, per questo il nostro organismo non è in grado di sintetizzarlo da solo, ecco quindi che diventa indispensabile assumerlo tramite l’alimentazione. Fortunatamente questo particolare minerale non è difficile da trovare, infatti è presente nell’acqua minerale e in numerosi cibi. In genere i cibi con più alte quantità di potassio sono rappresentate da alimenti freschi, soprattutto i vegetali poco trasformati, poiché le lavorazioni possono modificare i livelli di potassio nei cibi. Le fonti principali di questo minerale sono frutta, verdura e legumi. In particolar modo il potassio è contenuto in ortaggi a foglia verde, pomodori, zucchine, melanzane, cetrioli, patate e carote. Per quanto riguarda la frutta, oltre a quella secca, sono ricche di potassio le banane, le albicocche, il melone, l’avocado e il kiwi. Anche i cereali integrali sono ottimi, oltre a pesce e pollame. Le spezie risultano essere buone riserve di potassio in particolare il cumino, il curry, lo zenzero in polvere, il pepe macinato ma anche il prezzemolo. Un consiglio è quello di seguire una dieta povera di cibi tanto salati come salumi, formaggi, patatine e alimenti confezionati, per il fatto che il sale destabilizza l’equilibrio tra sodio e potassio nelle cellule. Questo squilibrio può essere determinante per problemi di ipertensione e ritenzione idrica.


Fabbisogno giornaliero


Il potassio è uno dei minerali più importanti del nostro organismo per questo deve essere assunto in giuste dosi nel nostro organismo. La sua assunzione giornaliera consigliata è di circa 4-5 gr per gli adulti e lievemente inferiore per i bambini. In questo caso bisogna tenere in considerazione anche il fabbisogno di acqua minerale, in quanto fonte di potassio. L’apporto idrico raccomandato prevede l’assunzione di almeno 1,5 litri di acqua al giorno. Molto importante è assicurarsi un giusto equilibrio di questo minerale per l’assunzione delle sostanze nutritive da parte delle cellule e favorire una corretta eliminazione delle tossine.


Come assumerlo e come viene assorbito


Il potassio viene assunto tramite alimenti e liquidi che contengono elettroliti e viene eliminato tramite le urine, l’intestino e il sudore. Il suo assorbimento nell’organismo avviene in modo passivo e senza difficoltà nel duodeno e nell’intestino tenue.


Carenza ed eccesso di potassio


Una carenza di potassio viene considerata come un raro evento e prende il nome di ipokaliemia. Alcune delle cause più frequenti che originano questa carenza possono riguardare alcune perdite eccessive di questo minerale con il presentarsi di eccessiva sudorazione, vomito, diarrea oppure utilizzo di alcuni diuretici. La carenza da potassio si manifesta con alcuni sintoni quali debolezza, stanchezza, crampi muscolari e disidratazione cellulare. Nel caso contrario, un eccesso di potassio, chiamato anche iperkaliemia, può essere scatenato da un malfunzionamento dei reni, i quali permettono di smaltire i possibili eccessi di potassio, quando vengono assunti determinati farmaci che influiscono sul funzionamento dei reni. Un’ulteriore causa di eccesso di potassio nel corpo può essere causata da un eccessivo consumo di integratori di questo minerale, assumendo tramite la dieta un quantitativo superiore di potassio rispetto al proprio fabbisogno. Un elevato sovradosaggio di potassio può manifestarsi con nausea, con la comparsa di aritmie cardiache o addirittura con un arresto cardiaco o un collasso, dovuto ad un eccessivo rallentamento del cuore.


Curiosità sul potassio


La pietra di potassio può essere utilizzata come un antibatterico naturale. Esso infatti può essere utilizzato per attenuare il cattivo odore della sudorazione, per prevenire irritazioni cutanee da rasatura ed avere effetti tonificanti e rassodanti sulla pelle.


Vuoi ricevere contenuti esclusivi e nuove ricette?

Inserisci il tuo nome e la tua migliore email per ricevere comodamente sulla tua casella di posta, nuove ricette e contenuti esclusivi dedicati agli iscritti.

.

Il tuo nome: Indirizzo email:

Lascia un Commento

Ultimi Post pubblicati

© 2019 - siQuri.com  Food, Kitchen and Wellness technology |  Siqur Spa P. IVA 01110170287 - REA: PD 180946