Il tuo bambino non mangia frutta e verdura: quante volte ti sei trovata in questa situazione?

Oppure il tuo bambino rifiuta la verdura? Allora diventa difficile preparare un pasto bilanciato ed equilibrato per le sue esigenze nutrizionali e di crescita.

Ma non disperare, abbiamo selezionato i 10 migliori “trucchi” o meglio 10 consigli pratici che ti permetteranno di far aumentare il consumo di frutta e verdura a tuto figlio.

Non perdiamo altro tempo e iniziamo subito…

#1 Dai l’esempio

L'esempio è lo “strumento” più importante e potente per una buona educazione, non solo alimentare. Dopotutto i piccoli imparano semplicemente osservando quello che fanno i grandi e copiandolo a loro volta. 


Questo ha un duplice vantaggio, sia per te che per tuo figlio, in quanto poni le basi di una sana ed equilibrata alimentazione. 
Dare l'esempio, quindi, si tradurrà subito in un reale vantaggio in salute per tutta la famiglia.


L’esempio di ciò che assaporano gli adulti vale più di mille prediche. Fai attenzione a quello che metti nel piatto: la componente maggiore dovrebbe essere vegetale.

#2 Succhi vivi ed estratti naturali

Hai mai pensato di far assumere a tuo figlio frutta e verdura sotto forma di succhi vivi o estratti freschi fatti in casa?


Attraverso l’uso di un semplice strumento come l’estrattore di succo a freddo, riesci a combinare assieme la frutta e la verdura ottenendo un concentrato di nutrienti in un bicchiere.

Mixando con un minimo di pratica, la verdura, che ha un sapore più amaro, con un frutto dolce, ad esempio la mela, ottieni una bevanda gradevole  apprezzata dai bambini.

Poi se ottieni un succo colorato e piacevole anche alla vista allora sarà ancora più facile raggiungere il tuo obiettivo.



Se non sai come iniziare, abbiamo creato un intero ricettario di succhi vivi ed estratti dedicato proprio ai bambini. Così puoi partire subito con il piede giusto.


#3 Usa in modo creativo gli avanzi

Ecco subito pronto un ulteriore consiglio pratico zero sprechi: hai fatto il succo? Non gettare gli avanzi. 
Li puoi riutilizzare in mille modi.


Le fibre di frutta e verdura scartate dall’estrattore fanno molto bene e le puoi inserire con facilità in altre preparazioni sia dolci che salate.


Penso che tu ne abbia già intuito le applicazioni, ad esempio, poi inserire le fibre in: torte, polpette, budini biscotti nello yogurt, ecc.



Anche qui se non sai da dove partire, sempre nel ricettario dedicato ai succhi per bambini, trovi tante idee su come riutilizzare gli scarti dell’estrattore.

#4 Crea dei piatti colorati e allegri

Questo consiglio molte volte viene sottovalutato, eppure con un minimo sforzo di fantasia e creatività in cucina, riesci a far consumare più vegetali a tuo figlio con facilità.

Sul web gli esempi di queste composizioni fantasiose e spiritose non mancano, tanto che Il web designer inglese Mark Northeast ha raccolto in un libro di ricette illustrato, le sue creazioni allegre basate su verdure e cibi sani proposti in divertenti foto che divertono sia i bambini che gli adulti.



Tra le idee più bizzarre ci sono coccodrilli e pianoforti a coda, oltre a pomodori e cetrioli tramutati in irresistibili dischi voltanti.



Poi se coinvolgi il tuo bambino nella creazione di queste "opere d’arte culinarie" e le proponi come una sorta di gioco, ecco allora che il tutto diventa ancora facile e divertente.

#5 Metti poco nel piatto

Un piatto poco pieno incoraggia, mentre, se già i bimbi fanno resistenza a mangiare, il trovarsi di fronte ad un cumulo di cibo provoca un sicuro e più forte rifiuto.


Fra l'altro, l'abituarsi a consumare porzioni ridotte è un'ottima difesa contro l'obesità, sempre più diffusa anche fra i bambini.

La paura di genitori e nonni che i piccoli "mangino poco" è spesso solo una fissazione, mentre è più importante che mangino bene.

Quindi, oltre a stare in guardia da cibi e diete artificialmente sature di zuccheri e grassi, occorre anche, semplicemente, mangiare con misura.

#6 Rendi “invisibile” la verdura

Non è un trucco di magia... Non è necessario presentare verdure e frutta ed altre pietanze in "forma pura": si possono lavorare in modo da renderli “invisibili nel piatto”
.

Questo è un modo per abituare il tuo bambino, senza impatto diretto, a nuovi sapori. 



Oltre ai succhi vivi, sono veramente numerose le preparazioni che si prestano allo scopo: ravioli, cannelloni, gnocchi di spinaci, polpette, torta di carote; alla fine è solo questione di fantasia.



In questo caso c’è da specificare che la cottura, in particolare il calore sopra i 45°C fa perdere alla verdura una parte dei preziosi nutrienti, quindi è bene non abusare di questo “trucco” ma va alternato con tutti gli altri consigli in modo da far consumare la frutta e verdura anche in versione naturale a crudo.


#7 Fagli mangiare frutta e verdure fuori pasto

Invece di reprimere un piccolo languirono o, peggio, invece di lasciare in giro biscotti e patatine, taglia ad esempio dei bastoncini di carote ed immergeteli in un bicchierino con succo di limone: sono gustosi da sgranocchiare e prima o poi qualcuno se ne accorgerà.

Oppure, anziché disporre per la casa coppette con caramelle e cioccolatini, sostituiscili con uva sultanina ed albicocche secche. In questo modo il “mangiucchiare” divenga salutare. 



Ovviamente occorrerà distinguere spuntino e merenda dal pasto vero e proprio. Va posto un minimo di attenzione affinché il bambini non mangi troppo, poco prima di andare a tavola.


#8 Varia spesso e volentieri

La curiosità per nuove ricette rende più invitanti e appetitosi pranzi e cene in ogni stagione.


Su questo principio proponi il più possibile delle varietà differenti di frutta e verdura rispettando la stagionalità.



Il bambino così sarà più portato a scoprire nuovi sapori e si abituerà a mangiare un pò di tutto: una dieta varia è il presupposto fondamentale di una sana alimentazione.


#9 Sfrutta le occasioni

Sfrutta il più possibile le esperienze collettive, come il pasto all’asilo o a scuola, oppure il pasto con fratelli e cuginetti: molto del gusto dei piccoli e della loro capacità di accettare nuovi sapori dipende dal gusto dei suoi coetanei.

In questo senso è utile sfruttare qualsiasi occasione; ad esempio approfitta anche quando vengono i loro amichetti a casa per proporre frutta e verdura, e non dimenticare che i gusti dei bambini cambiano spesso: quello che viene rifiutato oggi potrebbe essere poi gradito domani.



#10 Crea le abitudini giuste

Non è assolutamente facile abituare i bambini a consumare frutta e verdura in modo regolate, l’importante è perseverare.

Chiaramente prima si inizia e meglio è… Per questo è fondamentale proporre frutta e verdura fin da subito.

Lo scopo è di aiutare i piccoli a crescere con le abitudini giuste: perché queste poi rimarranno con loro per tutta la vita.

Vale la pena quindi impegnarsi, con perseveranza e serenità.



Non è mai troppo tardi, quindi non perdere le speranze se ne primi anni “hai perso” un’occasione, l’importante è trovare la tua “strategia” migliore per far comprendere a tuo figlio l’importanza di mangiare in modo sano privilegiano frutta e verdura ma è fondamentale non obbligarlo a mangiare per forza. 




Per concludere

Hai 10 validi consigli selezionati da mettere in pratica subito per far aumentare il consumo salutate di frutta e verdura a tuo figlio.


Per avere una maggiore efficacia, combina assieme questi “trucchi”, ma tieni sempre presente che il comportamento di mamma e papà durante i pasti influenza la propensione futura  a mangiare frutta e verdura al tuo bambino.

Le pressioni portano a poco, spesso a un rifiuto, mentre il vero asso nella manica è il buon esempio. Vedere che quotidianamente a tavola si assaporano con gusto colorati piatti vegetariani è la miglior persuasione possibile.

Vuoi ricevere contenuti esclusivi e nuove ricette?

Inserisci il tuo nome e la tua migliore emai per ricevere comodamente sulla tua casella di posta: nuove ricette, ricettari e contenuti utili riservati agli iscritti.