Glicemia Alta? In Base ad Uno Studio Scientifico, l'Acqua Idrogenata può Esserti Utile

Bere molta acqua sicuramente contribuisce al benessere del corpo e della mente, perché ti aiuta a depurare ed elimina le tossine in eccesso, fa bene alla pelle, regola la pressione arteriosa e aiuta il metabolismo in caso di glicemia alta.

.

A questo proposito, uno studio pubblicato, ha evidenziato come una certa tipologia di acqua arricchita di idrogeno possa essere più adatta per combattere glicemia alta e diabete, in particolare di tipo 2, rispetto all'acqua definita "normale".

.

Un uomo adulto dovrebbe berne sui 2,5 litri al giorno, mentre una donna circa 2. Ancora pochi la bevono ma potrebbe davvero essere la svolta per chi soffre di iperglicemia.

.

Continua a leggere e scoprirai il perché.

Sei a rischio se hai la glicemia alta?

Succo di melone fatto con l'estrattore Essenzia

Purtroppo la glicemia alta, è una condizione che può interessare quasi tutte le fasce di età. Si stima infatti, che nel mondo, siano circa 400 milioni le persone che soffrono di diabete mellito. Valori che, secondo proiezioni recenti, sono destinati a salire entro il 2030. Questo è dovuto principalmente ad abitudini sbagliate, vita sedentaria e a diete squilibrate che mettono a dura prova l'organismo e i suoi meccanismi vitali. 


Ma capiamo quali sono i valori di riferimento, secondo le linee guida, dei livelli di zucchero nel sangue:

- tra 70 e 99 mg/dl valore normale a digiuno;

- tra 100 e 125 mg/dl è indicativo, a digiuno, di glicemia alta;

- superiore a 126 mg/dl, a digiuno, nella maggior parte dei casi è segno di diabete.


Ovviamente le misurazioni vanno fatte alla mattina (a digiuno da almeno 8 ore), prima di fare colazione, in quanto i valori possono variare, anche in modo considerevole, in base a ciò che si mangia.

Tanto che, la diagnosi di diabete, richiede un esame di laboratorio del sangue venoso, dopo che si sono verificate determinate condizioni.

.

L'utilizzo di strumenti di "misurazione casalinghi" ci danno un'indicazione approssimativa della glicemia, comunque utile per tenere la situazione sotto controllo, ma sono estremamente preziosi in caso di rilevazioni particolarmente elevate, in quanto ci permettono di agire in tempi rapidi. Valori attorno al 400 mg/dl devono far scattare un "campanello d'allarme" perché si tratta di una condizione che presenta pericoli imminenti, è opportuno quindi, contattare immediatamente il proprio medico o se questo non fosse possibile di andare al pronto soccorso.

Quali sono i sintomi

Il diabete e/o la glicemia alta possono essere asintomatiche o avere dei sintomi facilmente confondibili. Per questo è opportuno prestare particolare attenzione a segnali ben precisi che ci fanno capire che la glicemia è fuori controllo. Uno in particolare è il dolore ai nervi, la cosiddetta neuropatia. Questa condizione si manifesta sotto diverse forme: torpore, formicolio, bruciore, ipersensibilità della zona interessata.


In vari studi scientifici è stato evidenziato che la neuropatia periferica compare nelle prime fasi del diabete e con esso progredisce. In particolare, ciò che determina la neuropatia, non è il diabete ma gli alti livelli di glicemia. I nervi infatti risentono degli elevati valori di glucosio nel sangue e quelli più vulnerabili sono nelle gambe.

Ai primi sintomi è fondamentale fare degli esami di controllo, perché qualora si tratti di prediabete è possibile agire tempestivamente per prevenire l’insorgenza del diabete di tipo 2.

.

Ci sono altri sintomi, che ci possono far sospettare di essere affetti da glicemia alta:

- stanchezza cronica;

- sete costante;

- perdita di peso senza motivo;

- necessità di urinare più spesso, soprattutto durante le ore notturne;

- alito acetonemico;

Come l'acqua idrogenata può esserti utile

Acqua idrogenata per chi soffre di glicemia alta

Uno studio scientifico ha dimostrato che l’acqua idrogenata migliora il metabolismo del glucosio e dei lipidi nei soggetti diabetici (tipo 2), con glicemia alta o comunque con poca tolleranza al glucosio.

.

Nello studio sono stati somministrati 900 ml di acqua idrogenata al giorno su una parte di pazienti diabetici, mentre sull’altra parte 900 ml di acqua "normale" (come placebo) .

.

Dai risultati è emerso che l’assunzione di acqua all'idrogeno ha comportato importanti diminuzioni di colesterolo cattivo, di acidi grassi liberi, nonché l’aumento dei livelli di adinopectina. Quest’ultima aiuta l’insulina ad attivarsi e a ridurre gli zuccheri nel sangue. Inoltre, nei pazienti poco tolleranti al glucosio ha comportato una normalizzazione nel test di tolleranza.


In sintesi, l’acqua idrogenata può essere un’ottima alleata sia per contrastare che per prevenire il diabete.

Ricapitolando...

Consigli per un'abbronzatura perfetta

L'acqua idrogenata è molto conosciuta all’estero ma sta prendendo piede anche in Italia. Tuttavia, molte persone tendono a bere poco o a sostituire l’acqua con bevande zuccherate, non proprio salutari, soprattutto per chi ha problemi di glicemia. Una valida alternativa per sostituire questo tipo di bevande da supermercato sono i succhi vivi fatti in casa con l'estrattore.


Detto questo, come abbiamo visto in precedenza bere è fondamentale soprattutto per chi soffre di glicemia alta (ma non solo ovviamente), dovrebbero bere regolarmente soprattutto per aiutare il metabolismo del glucosio ed evitare la disidratazione (con maggiore attenzione in estate). L’acqua all’idrogeno, in base a studi scientifici, si è rivelata ottima per soddisfare queste esigenze, oltre ad apportare interessanti effetti antiossidanti utili per l'organismo.

Se vuoi approfondire maggiormente tutti gli altri benefici dell'acqua idrogenata per il benessere dell'organismo, abbiamo scritto un articolo di approfondimento sul nostro blog.

Allo stesso tempo se hai problemi di peso e/o obesità collegati alla glicemia alta, anche in questo caso l'acqua idrogenata può esserti utile, abbiamo scritto un articolo di approfondimento che trovi sempre sul nostro blog Materia Prima.

Leggi anche...

Vuoi ricevere contenuti esclusivi e nuove ricette?

Inserisci il tuo nome e la tua migliore emai per ricevere comodamente sulla tua casella di posta: nuove ricette, ricettari e contenuti utili riservati agli iscritti.

Prodotto aggiunto alla wishlist
Product added to compare.

Cliccando su "Accetto", acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy.